Top

neutralità Tag

Healthy Habits / Posts tagged "neutralità"

Cambiamenti in vacanza

Cambiamenti in vacanza   Le vacanze sono una straordinaria opportunità oltre che per riposarci anche per mettere in moto un processo graduale di miglioramento delle abitudini. In ferie siamo infatti nelle migliori condizioni possibili per il cambiamento, abbiamo molto tempo disponibile per riflessioni, attività fisica relazioni e in più pochissimo stress. Possiamo ripetere quotidianamente queste attività ( cosa importante per il radicamento della nuova abitudine) Approfittiamo allora per iniziare un lento ma inesorabile cammino verso sane abitudini. La prima delle quali dovrebbe essere una prima colazione varia e abbondante. Ricca di alimenti a basso indice glicemico, pieni di nutrienti come frutta fresca di stagione frutta secca yogurt naturale . La seconda prevedere di ritagliarsi momenti di silenzio e contemplazione per rigenerare mente e anima. La terza una piccola dose ( 30-40 minuti)  di attività aerobiche come...

Anticipare la malattia

Anticipare la malattia   Con piacere stiamo iniziando a vedere che le diverse specializzazioni della medicina sono tutte d'accordo nell'indicare la strada delle traiettorie come vincente per l'individuazione precoce della malattia. La traiettoria ci indica il probabile percorso che una piccola disfunzionalità potrebbe percorrere verso la malattia. Dal 2014 anno in cui abbiamo codificato i test Healthy Habits con la collaborazione di centinaia di specialisti sono  profondamente convinto che la stragrande maggioranza delle malattie siano prevenibili correggendo in fase iniziale le abitudini pericolose individuabili attraverso una serie di test e osservazioni che , al contrario delle analisi del sangue o altro esame , ci dicono in via prospettica cosa ci succederà e non cosa ci è già successo. Con questo approccio potremo intervenire sulla malattia sempre negli stadi iniziali o meglio...

Zero schermi per i neonati

Zero schermi per i neonati   L'Organizzazione Mondiale della Sanità ha diramato pochi giorni fa le linee guida relative alla sedentarietà  e al sonno nei bambini da 0 a 5 anni. I suggerimenti che arrivano sono leggermente differenziati per bambini da 0 a 1 anno da 1-2 anni e da 2 a 5 anni. La cosa più evidente è la raccomandazione di evitare nei neonati la visione di qualunque schermo sia tv che tablet o smartphone e limitare ad 1 ora al giorno massimo per quelli di età compresa dai 2 ai 5 anni. Per quanto riguarda l'attività fisica si raccomandano 30 minuti al giorno per i neonati per passare a almeno un ora dopo l'anno di vita. I recenti studi scientifici che hanno messo in relazione l'insorgenza delle malattie neuro...

Attività fisica e depressione

Attività fisica e depressione   Sempre più studi scientifici stanno dimostrando il grandissimo potere curativo e preventivo che l'attività fisica esercita sulle depressioni. Un bellissimo studio realizzato dai ricercatori Norvegesi grazie ad una fondazione Australiana che si occupa di depressioni ( Black chain)  ha provato a mettere in relazione le dosi di attività fisica necessarie affinché possano manifestarsi i primi benefici sulla prevenzione di questa drammatica patologia. Il modello sociale attuale spinge sempre più verso la sedentarietà e questa sembra essere proprio il motivo scatenante di tanto disagio. Oggi una parte molto rilevante della popolazione europea ( circa il 50%) non raggiunge le dosi minime consigliate dall'organizzazione mondiale della sanità , fissata in 180 minuti alla settimana di attività aerobiche. Lo studio Norvegese che ha coinvolto oltre 34.000 persone ha verificato come...

L’esercizio fisico aiuta a crescere

L'esercizio fisico aiuta a crescere   Si moltiplicano le evidenze scientifiche che praticare attività fisica aiuta l'essere umano non solo ad essere più sano ed efficiente ma anche ad aiutare lo sviluppo e il mantenimento delle funzioni cerebrali. Importanti studi di numerose università di prestigio hanno messo infatti in relazione la pratica di diverse forme di attività fisica in età giovanile con l'insorgenza da adulti di patologie croniche e neuro degenerative. Tutti gli studi confermano l'importanza e lo stretto collegamento tra la pratica di esercizio e la diminuita possibilità di ammalarsi da grandi. Ma l'esercizio anche in età avanzata continua ad esercitare sul cervello umano un'azione diretta per il mantenimento della sua plasticità, una vera e propria simbiosi! Quindi non solo sviluppo ma anche mantenimento della funzionalità cerebrale. Questi studi delle neuro scienze e...

Nuove figure nel mondo del lavoro

Nuove figure nel mondo del lavoro   Il cambiamento di abitudini avvenuto nel mondo in modo cosi repentino ha sortito molti effetti anche sul mondo del lavoro oltre che sulla salute pubblica. Molti mestieri tradizionali faticano a rimanere al passo con le richieste di un mercato profondamente mutato con l'avvento diffuso della tecnologia e del web. Le professioni della salute non fanno eccezione e si avverte sempre più pressante la necessità di nuove figure con competenze multidisciplinari nel campo della prevenzione e della cura. La fotografia offerta nel 2019 dall'Istituto di Sanità Italiano con il 40% della popolazione già ammalata di patologie croniche ed in continuo aumento spinge ad una riflessione su quanto sia necessario intervenire in tempi brevi sia nella prevenzione primaria ma anche secondaria e terziaria visto il...

La mente comanda, il cibo viene dopo!

La mente comanda, il cibo viene dopo!   L'errore più frequente che vedo commettere oggi quando si parla di salute e forma fisica è concentrare le attenzioni sul cibo e i nutrienti; ingigantendo l'importanza della parte alimentare rispetto alla fisiologia e alla psicologia, che, in realtà sono secondo la nostra osservazione più rilevanti ai fini della salute e della forma fisica. Sono infatti la sedentarietà e il disagio psicologico conseguente due motori che spingono poi ,come dimostrato da numerosi studi, verso una cattiva alimentazione. Tutte o quasi le persone che hanno un cattivo rapporto con il cibo o disturbi alimentari hanno iniziato ad entrare nel circolo vizioso delle diete e del cibo compulsivo per un motivo psicologico, o per mancanza di cultura, al quale hanno fatto seguire a causa...

Tutto diventa abitudine

Tutto diventa abitudine   L'abitudine è un grande vantaggio che abbiamo ricevuto per risparmiare energia e pensiero. Ma proprio in virtù di questo le abitudini sono anche un potenziale pericolo. Ripetere un'azione senza pensiero ci porta infatti a perdere di vista se quello che stiamo facendo nel lungo periodo è utile o dannoso alla nostra vita. Il lato più pericoloso della maggior parte delle cattive abitudini è che non hanno effetti acuti, sono veleni a lenta cessione, ci intossicano lentamente in modo quasi impercettibile e quando i sintomi si manifestano spesso è troppo tardi, per questo motivo sono veramente subdole. Nel caso delle abitudini alimentari e fisiologiche ad esempio servono alcuni anni prima di intravedere i segnali di disfunzionalità, cioè una perdita di efficienza dei sistemi. Pensiamo al cuore nato per portare...

Dormi poco ?

Dormi poco ?   Forse è il caso che rivedi le tue priorità. La mancanza di sonno è ormai associata a malesseri che interessano il cuore ed il tessuto cerebrale così come la memoria e la fertilità. Secondo uno studio brittanico del 2013 il poco sonno può modificare fino a 700 geni . Considerato il trend in Italia i dati sono ancora più allarmanti . Sono ben pochi infatti quelli che si concedono le otto ore considerate il giusto riposo e negli ultimi 30 anni in media abbiamo perso due ore di sonno per notte . Trent’anni fa infatti gli adolescenti dormivano 9 ore e mezza per notte rispetto alle 7 e tre quarti di oggi mentre per gli adulti negli ultimi 10 anni si è passati dalle...

Cambieremo la società grazie alle abitudini

Cambieremo la società grazie alle abitudini   Le nostre abitudini personali decidono certamente della nostra salute futura ma anche di quella del pianeta che ci ospita. I nostri consumi impattano infatti fortemente anche sugli equilibri presenti sulla terra da milioni di anni. L'utilizzo massiccio ad esempio di materiali plastici per confezionare imbottigliare e altro sta provocando ingentissimi danni all'ecosistema terrestre e marino. L'uso a livello alimentare di carni in grandi quantità sta portando ,a causa degli allevamenti intensivi necessari alla soddisfazione di queste nuove esigenze ,ad un inquinamento ambientale elevatissimo...